Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
Spazio, ultima frontiera (di Google Maps) | Googlisti.com

Tag Cloud

2006 ads applicazioni Attualità BarCamp blog blogosfera Comunicazione Curiosità dal Web documenti download estensione Eventi Firefox flickr free Gadget Gmail Gmail labs Google Google-Docs google-maps Greasemonkey GTalk Guide & Tutorial Internet ipod mappe Maps mobile Musica New Media online Programmi risultati-ricerca script tool tools Twitter Utilità video web2.0 Web 2.0 Windows youtube

Spazio, ultima frontiera (di Google Maps)

17 marzo 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Gli appassionati di astronomia andranno sicuramente in brodo di giuggiole con l’ultima idea messa online da Google: quella che era l’ultima delle caratteristiche aggiunte a Google Earth si aggiudica infatti la sua posizione in rete, accando ai fratelli Moon e Mars.

Si chiama Google Sky ed è il corrispondente “celeste” di Google Maps: stessa interfaccia di navigazione, stesso potente motore di ricerca per uno dei servizi più curiosi del web, che ci offre gratuitamente attraverso qualsiasi browser la possibilità di approfondire la conoscenza di pianeti e galassie, con la stessa facilità con cui siamo abituati a cercare gli indirizzi sulle mappe.

L’esplorazione spaziale interattiva, con tanto di zoom avanti e indietro, spostamento sulla volta celeste via mouse, tre modalità di visualizzazione (infrarossi, microonde e storico) con altrettante opzioni di scelta del grado di sovrapposizione livelli di fusione, fa perdonare volentieri una certa lentezza nel caricamento delle immagini. Il click su stelle e pianeti mostra anche un riquadro di informazioni aggiuntive e risorse esterne, ma soprattutto la macrocategorie elencate nella parte inferiore della pagina aiutano anche i navigatori inesperti della geografia spaziale ad affrontare percorsi di navigazione tra galassie e nebulose.

Come al solito, è tutto riassunto in un video:

2 Commenti a “Spazio, ultima frontiera (di Google Maps)”


  1. pigreco scrive:

    E’ gi presente da un po’ su GoogleEarth, hanno solo adeguato l’interfaccia web a quelle mappe.


  2. Genny anfri scrive:

    Tutto questo è splendido ma come faccio ad esplorare Giove ??
    Non andandoci ?

Scrivi un commento

Note: This post is over 5 years old. You may want to check later in this blog to see if there is new information relevant to your comment.