Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
L’evoluzione social di Google Reader | Googlisti.com

Tag Cloud

2006 ads applicazioni Attualità BarCamp blog blogosfera Comunicazione Curiosità dal Web documenti download estensione Eventi Firefox flickr free Gadget Gmail Gmail labs Google Google-Docs google-maps Greasemonkey GTalk Guide & Tutorial Internet ipod mappe Maps mobile Musica New Media online Programmi risultati-ricerca script tool tools Twitter Utilità video web2.0 Web 2.0 Windows youtube

L’evoluzione social di Google Reader

18 luglio 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Qualche mattina fa l’apertura di Google Reader ci ha riservato alcune sorprese: following, liking e people searching in un nuovo pannello di gestione per la condivisione di items e le relazioni con gli “amici”.

Google reader novità

Google reader novità

Ecco in breve le novità:

1. possiamo aggiungere gli items condivisi nel nostro profilo di Google;

2. è molto più semplice gestire in maniera dettagliata i nostri contatti: tramite due diverse tab possiamo vedere chi ci segue e chi seguiamo noi; c’è piena integrazione con i gruppi di contatti creati nel Contact Manager, tanto che possiamo scegliere di condividere i feed non pubblicamente, ma con uno specifico gruppo di contatti ed anche scegliere quale gruppo può vedere e  aggiungere commenti ai miei items condivisi;

3. possiamo trovare nuovi utenti da aggiungere ai feed effettuando ricerche per nome, location, argomento;

4. abbiamo un vanity URL, ovvero un indirizzo composto da http://www.google.com/reader/shared/nomeutente invece della solita (bruttina) sequenza di numeri;

5. oltre alla stellina utilizzata per mettere una preferenza ad un post, abbiamo anche i Like (L come scorciatoia da tastiera). Mentre la stellina può identificare una preferenza pubblica o privata (a seconda delle impostazioni scelte dall’utente), i Like sono pubblici! Questo significa che chiunque legga un post dove noi abbiamo messo il Like può vedere che noi siamo fan e, dunque, può essere ricondotto al nostro account. Se, da un lato, questo può essere un ottimo modo per vedere le preferenze di altri lettori e scovare persone con gusti simili ai nostri, dall’altro…occhio alla privacy!

TRICK: un piccolo Easter Egg se provate a fare Like di un post dopo aver digitato il Konami code! ;)
[via]

5 Commenti a “L’evoluzione social di Google Reader”


  1. Patrick scrive:

    Interessante il vanity URL e sicuramente molto comodo!
    Ma prima veramente non c’era? Io non avevo mai provato!


  2. gluca scrive:

    like :)


  3. vik scrive:

    Il problema delle Vanity URL è che coincidono con la nostra posta gmail: ora so che che l’autrice del post ha come mail silvia.marinelli[at]gmail[dot]com
    Direi che si fa un bel regalo agli spammer!


  4. Patrick scrive:

    @ Vik:
    Se la metti su questo piano allora anche tramite gli album di picasaweb riescono a sapere gli indirizzi email visto che i link sono picasaweb.google.it/account …
    Comunque non mi preoccupo troppo di questo, so che gmail ha un antispam FANTASTICO… difficilmente sbaglia colpo ;-)
    e comunque vale la pena pur di avere un link più comprensibile!
    Ciao!


  5. googlista scrive:

    ha ragione Patrick, anzi, già con l’indirizzo personalizzato del profilo Google si era aperta la stessa questione.
    Filtri, filtri e ancora filtri! ;)

Scrivi un commento

Note: This post is over 5 years old. You may want to check later in this blog to see if there is new information relevant to your comment.