Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
Applicazioni | Googlisti.com - Part 3
Articoli recenti

Articoli archiviati nell' Argomento "applicazioni"

Google URL shortener conquista la sua interfaccia web

1 ottobre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Google URL shortenerFinalmente Google URL Shortner cammina sulle proprie gambe: abbandonata la Google Toolbar, è diventato una vera e propria applicazione standalone.

All’indirizzo goo.gl possiamo incollare qualsiasi URL web e ottenere indirizzi accorciati, corredati di statistiche per ogni URL generato: in particolare, possiamo analizzare il numero di clic, un elenco di fonti di traffico e referrers, alcune informazioni aggregate sui visitatori.

Funzioni interessanti?
- La generazione di un QR code univoco per ogni short URL.
- La possibilità di aggregare tutti gli URL brevi generati mentre siamo loggati nel nostro account Google (io, ad esempio, ci ho ritrovato diversi short URL generati tempo fa in Google Maps).
- Aggiungendo il segno + ad un URL breve generato con Google, siamo reindirizzati direttamente alla pagina di statistiche per quell’indirizzo (es. goo.gl/maps/Hj9k+).

Cosa manca?
Non sono ancora state rilasciate API ufficiali e non è possibile personalizzare gli URL come avviene invece con bit.ly, ma è sicuramente una piattaforma stabile e affidabile. Da Google annunciano anche l’aggiunta del rilevamento automatico di spam e un serio aumento della velocità del servizio.

Se utilizzi Google Chrome, puoi installare goo.gl URL Shortener, un’estensione non ufficiale che genera URL brevi e li copia nella clipboard. Per Firefox c’è un’estensione simile chiamata goo.gl lite.

Un sito per tutte le novità di Google

27 settembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Google compie 12 anni

Google compie 12 anni

Il 27 settembre di 12 anni fa nasceva l’azienda Google, che celebra oggi con un nuovo doodle firmato dall’artista Wayne Thiebaud un lungo periodo di attività di business e sviluppo inarrestabile dei servizi offerti.

A proposito di novità, dopo un decennio di innovazioni, tools e beta releases, Google ha creato un sito per raccogliere tutti gli aggiornamenti sui nuovi prodotti. Si chiama Google New e ha il compito di fornire gli ultimi sviluppi nella Googlesfera.

È possibile effettuare una ricerca filtrando per tipo di prodotto o aree generali di interesse, o semplicemente scorrere le ultime novità e gli aggiornamenti.
Considerando il ritmo incalzante delle releases di Google, e il fatto che ci siano almeno una dozzina di blog diversi a raccontare ogni area di sviuppo, un aggregatore come Google New è quello che mancava per tenere sotto controllo l’evoluzione di big G.

Google compra Quicksee per avere video panoramici in Street View

15 settembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

quickseeLa startup israeliana Quicksee conferma di essere stata acquisita da Google per 10 milioni di $ e che i suoi impiegati andranno a nelle fila del team Geo di Google.

Il lavoro di Quicksee consiste nella creazione di video interattivi basati sulla localizzazione, una sorta di video-tour per permettere alle persone di viaggiare virtualmente in tutto il pianeta come se fossero lì. In pratica il software di Quicksee consente di realizzare tour panoramici interattivi a partire da brevi filmati, senza bisogno di utilizzare una foto/videocamera a 360° (come quella di Street View, ad esempio).

E proprio in Street View si vede l’obiettivo strategico di Google, che presto potrebbe offrire, oltre al livello di immagini panoramiche dell’area localizzata, ma un vero e proprio video-tour virtuale. Ecco un video di come Quicksee potrebbe integrarsi con Street View:

Chissà come la metteranno con le facce da nascondere…
[via techcrunch]

Scribe: il tool di Google che suggerisce come completare la frase che stiamo scrivendo

8 settembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Google Operating System recensisce uno tool molto particolare di cui probabilmente pochi si sono accorti: si chiama Scribe e offre suggerimenti di completamento della frase durante la digitazione.
google scribePer esempio, se inizio a digitare “I’m look” Google suggerisce “I’m looking forward to” che è esattamente quello che volevo scrivere. Invece di digitare tutti i caratteri, con Scribe posso selezionare da un elenco le parole che mi servono per concludere ciò che sto scrivendo (scorrendo col mouse sul suggerimento giusta o digitando il numero di selezione corrispondente).

Ovviamente si possono fare mille obiezioni, ma Google chiarisce subito che Scribe fornisce testi di completamento utilizzando informazioni provenienti da ciò che abbiamo già scritto in un documento, e indica le frasi corrette o popolare da utilizzare nella lingua di riferimento (che per ora è solo l’inglese).

Dal momento che Google utilizza dati estratti da pagine web, è probabile che ci vengano anche proposti suggerimenti di traduzioni improbabili, ma basta premere Esc per ignorare la proposta di Google. Le scorciatoie da tastiera possono essere molto utili per gestire le funzioni di questo ennesimo strumento per le lingue.

La cosa interessante di questo servizio è che per utilizzare Scribe non è necessario aprire ogni volta l’editor, ma si può aggiungere un bookmarklet al browser e sfruttare i suggerimenti di completamento in Gmail, Blogger, Docs o su qualsiasi pagina web che contiene campi di testo.
Inoltre, se non vogliamo vedere i suggerimenti di Google per tutte le parole digitate, possiamo disattivare la modalità automatica e attivare invece la modalità on-demand (Ctrl + Shift + J), che ci mostra il lavoro di Scribe solo se si preme il tasto Tab.

Carrellata di piccole novità nelle Apps di Google

23 agosto 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Login multiplo in diversi account di Google
Dopo che si abilita questa funzione avanzata dalle proprie impostazioni di account, è possibile fare switch da un profilo Google all’altro (nel caso ne abbiamo più di uno) attraverso un menù a tendina, ma sempre rimanendo nella stessa sessione del browser.

“If you use multiple sign-in, the first account you sign in to will be your default account. If you visit other Google products that don’t support multiple accounts after you’ve signed in, you will automatically sign in to your default account for that product. If you sign out of any Google product while signed in to any account, you will be signed out of all your Google Accounts at once.”

Nuove opzioni per la funzione Undo di Gmail
La possibilità di annullare l’invio di un’email abilitando questa funzione nei Labs di Gmail si arricchisce di una ulteriore opzione: la scelta del lasso di tempo entro cui poter “tornare indietro” ed eliminare l’invio del messaggio (5, 10, 20 o 30 secondi).

Google search in Apps

Google search in Apps

Ricerca avanzata in Gmail e Docs
Gmail ha aggiunto nei Labs un tool che estende la ricerca dall’interfaccia di Gmail agli altri siti collegati al nostro account. Ora cercando una parola chiave, posso scegliere se effettuare la ricerca in Gmail e Docs oppure sul web. I risultati della ricerca vengono mostrati sempre all’interno di Gmail, suddivisi tra messaggi di posta e documenti.

Controllo ortografico in Spreadsheets
I Fogli di Calcolo aggiungono un pulsante per verificare la correttezza dei termini inseriti nelle celle, ma il tool non è automatico: per lanciare lo spell check basta andare in Tools > Spell Checking e il sistema fa una scansione dei testi segnalando eventuali errori ortografici.

Drag and drop per salvare gli allegati in Gmail

4 agosto 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Dopo aver introdotto la possibilità di aggiungere allegati ad un messaggio di posta tramite trascinamento, Gmail ora include il drag and drop anche per scaricare i file dalle email.

drag drop allegato gmail

drag drop allegato gmail

In pratica se abbiamo un’email con allegato basta muovere il mouse sopra l’icona o il link “Download” per leggere un tooltip che ci invita a fare click per vedere o trascinare il file sul desktop per salvarlo in locale. Per file di grandi dimensioni (Gmail consente di allegare fino a 20 MB per messagio di posta) viene mostrata una finestra di avanzamento del download.

La funzione è davvero semplice come sembra. L’unico avvertimento è che, almeno per ora, il salvataggio di file tramite drag and drop è disponibile solo in Google Chrome! :(

Ultime da Google: cosa ci siamo persi

2 agosto 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Di ritorno da un viaggio di due settimane negli USA, uno dei primi step è rimettersi al passo coi feed e le novità degli ultimi giorni.

RICERCA
Migliorata la funzione di ricerca “dizionario”
Addio alla funzione define:[keyword]; Google ha abilitato a tutti gli utenti in lingua inglese una nuova versione della ricerca “dizionario”. Appena si digita un termine di ricerca, il primo risultato è la definizione dello stesso secondo dizionario, con snippet più dettagliato dotato di pronuncia e frasi d esempio.

Nuova interfaccia per la ricerca immagini
Con oltre 10 milioni di immagini indicizzate, Google ha ritenuto opportuno dare una rinfrescata al design della ricerca immagini: la pagina ora mostra i risultati in una griglia scrollabile, le anteprime sono più grandi e si evidenziano al passaggio del mouse. Una volta che si sceglie un’immagine, questa viene aperta in una nuova pagina di destinazione con effetto lightbox sul sito web che ospita l’immagine, in modo da saperne di più su fonte e contesto.

GOOGLE APPS
Traduzione documenti
Selezionando dal menu Strumenti > Traduci documento è ora possibile tradurre i documenti nel nuovo editor in una delle 53 lingue di Google Docs: si può creare una copia tradotta del documento, scegliendone un titolo e selezionando la lingua che si desidera tradurre.

Zoom e novità nella tavolozza disegni
Nuovo bottoncino per selezionare una porzione di area zoomabile nel riquadro dei disegni a mano libera dei docs:
Zoom in= Ctrl Shift → oppure Cmd Shift →
Zoom out= Ctrl Shift ← oppure Cmd Shift ←

Miglioramenti nei disegni di archi, grafici a torte, rotazioni, duplicazione di elementi e formato delle linee (via).

Lancio di Google Apps for Government

[SPOILER]
Alcuni noti blog riportano la notizia di un nuovo tipo di documento mostrato in un video pubblicato dallo staff di Google per spiegare una funzione di Spreadsheets.
Il file che si vede nel menu dropdown è denominato Punch. Staremo a vedere…

Come ti invito all’evento direttamente da Gmail

16 aprile 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Inviaare invito via gmail

Inviaare invito via gmail

Gmail ha introdotto un’integrazione ancora più efficace con Google Calendar: quando andiamo a comporre un nuovo messaggio, accanto al link di inserimento allegati troviamo una nuova opzione per l’invio di inviti.

Al clic su “Inserisci invito“, Gmail apre una finestra di dialogo con un’interfaccia che ci consente di creare un nuovo evento del calendario, scegliere data e ora, inserire location e descrizione e scegliere un calendario per l’evento.
La cosa intelligente è che, se i destinatari sono nostri contatti di Google, Gmail ci permette a verificare la loro disponibilità abilitandoci alla visualizzazione delle attività programmate (purché abbiamo il permesso di accedere ai calendari condivisi o pubblici).

aggiungi l'evento al calendario

aggiungi l'evento al calendario

Dopo aver inserito tutti i dettagli, l’evento viene integrato automaticamente nel corpo dell’email e-mail, avendo ancora la possibilità di modificarne i dettagli o rimuoverlo.

Chi riceve il messaggio di posta si trova l’invito e un link diretto per aggiungere l’evento al proprio calendario. Comodo, no? ;)