Articoli recenti

Articoli archiviati nell' Argomento "Gadget"

I gadget di Google Wave diventano Shared Spaces

23 dicembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Anche se Google ha deciso di dismettere il progetto Wave a causa dei costi crescenti e della crescita non incoraggiante degli utenti, Wave ha avuto una base di utilizzatori piccola, ma fedele. E non ci sono stati dubbi sul fatto che si trattasse di uno strumento incredibile.

Ora Google ha deciso di “riciclare” tutti quei gadget che si potrebbero aggiungere ad una Wave e ha tirato fuori dal cilindro Shared Spaces, un servizio che utilizza la tecnologia dei gadget di Wave per creare mini-spazi condivisi che consentono la collaborazione su un task o un evento.
Si possono già trovare una serie di gadget organizzati in diverse sezioni come la pianificazione, la produttività, giochi e sondaggi.

Creare uno spazio condiviso è piuttosto semplice: basta premere il pulsante posto sotto di qualsiasi gadget e fare login con il proprio account Google, Twitter e/o Yahoo. Dopo aver creato lo spazio, è possibile condividerlo con altri utenti tramite l’URL che viene automaticamente generato.

Probabilmente l’idea di Google di riutilizzare singolarmente tutti i gadget di Wave non è poi così male: in questo modo possiamo scegliere di volta in volta il tipo di spazio condiviso adatto al nostro obiettivo (organizzare un evento, pianificare un viaggio tramite una mappa condivisa, giocare a sudoku, creare un sondaggio, etc), risparmiandoci l’approccio “all inclusive” di Wave, che a suo tempo aveva generato più confusione che vera utilità.

[via]

Le novità di Google da tenere d’occhio [parte seconda]

24 giugno 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Microblogging Search Engine: Google starebbe preparando un servizio di indicizzazione e ranking dei risultati di ricerca provenienti da apps di microblogging come Twitter. [via]

Mobile iGoogle: dopo qualche ripensamento, la nuova versione di iGoogle per iPhone e Android supporta finalmente le schede ed integra perfettamente tutti i gadget di cui usufruiamo via browser (eccetto quelli con Flash), inclusa la visualizzazione dei post per i gadget di FeedRSS. [via Googleblog]

igoogle

igoogle

Google ha introdotto nella ricerca immagini la possibilità di filtrare i risultati in base al tipo di licenza Creative Commons per l’utilizzo del file. L’opzione non è ancora stata integrata nell’interfaccia italiana, ma è possibile testare in anteprima la ricerca “filtrata” grazie a GOS.

Si apre agli sviluppatori Javascript la possibilità di scrivere propri Google Scripts per migliorare le funzionalità di servzi come Docs, Gmail, o Calendar. A differenza degli script di Greasemonkey, ad esempio, che ciascun utente deve installare sul proprio browser, questi script funzioneranno direttamente sui server di Google e potranno essere utilizzati, ad esempio, per creare funzioni nei Fogli di Calcolo o aggiungere altre personalizzazioni ad hoc.

I Bundle feeds di Google Reader sono un modo nuovo e veloce per creare una lista di feed RSS e condividerli “in massa” attraverso una pagina apposita pubblicata da Google.

Bundle feeds

Bundle feeds

Google Libri ha una nuova interfaccia e nuove funzioni: opzione per incorporare l’anteprima del libro in una pagina web, migliore ricerca dei contenuti, migliore panoramica e paginazione del libro, menù a tendina dei contenuti ed altro ancora! [via GoogleItalia blog]

Giochiamo a scacchi su Google Talk

1 giugno 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Google Talk, il servizio di instant messaging web-based sviluppato da Google, consente di vedere in tempo reale la disponibilità e lo stato dei tuoi amici, comunicare con loro con messaggi di testo o chiamate vocali, la condivisione di file, l’anteprima di foto e video, etc.
Ma sappiamo che a Mountain View anche i ritagli di tempo sono fonte di produttività, e proprio in quel famoso 20% della giornata l’ingegnere Moishe Lettvin ha pensato e progettato un set di API (Application Programming Interface) che ci permetteranno di giocare online in Google Talk.

Giocare a scacchi in gTalk

Giocare a scacchi in gTalk

Attualmente le realtime gadgets API sono disponibili solamente in una developer sandbox, alla quale possiamo accedere con il nostro account di Google per testare in anteprima la nuova funzione:

1. apriamo Google Talk Sandbox
2. Click sul nome di un contatto GTalk
3. Click Opzioni > Avvia Applicazione
4. inseriamo l’URL del gadget del gioco e cominciamo a giocare (a scacchi http://code.google.com/apis/talk/examples/chess.xml oppure a sasso-carta-forbici http://code.google.com/apis/talk/examples/rps.xml)!

In pratica queste API consentono ai gadget di Google ospitati nei diversi browser degli utenti di comunicare gli uni con gli altri, rendendo possibile non solo condividere un oggetto tra le istanze di un gadget, ma anche di essere notificati in tempo reale quando l’altro si modifica (ad es. quando l’avversario fa la sua mossa nel gioco!).

Stando alle parole di Lettvin ci aspettano miglioramenti nelle API e nell’interfaccia utente per consentire a gadgets.realtime di essere integrate su Gmail, Orkut e iGoogle.

Tasks finalmente integrato in Google Calendar

15 maggio 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

La prima apparizione dei Task è stata nei Labs di Gmail, quindi è stata sviluppata una versione per iPhone e un modulo per i gadget iGoogle; ora è possibile gestire le attività anche da Google Calendar, con due diverse possibilità di visualizzazione: nella barra laterale destra, dove è possibile anche gestire le attività programmate, e come funzione built-in del Calendario.

Tasks nel Calendario

Tasks nel Calendario

Per aggiungere un Task infatti possiamo sia creare un nuovo elemento dalla barra laterale che compare già in Gmail, sia cliccare su un riquadro del Calendario, come se volessimo aggiungere un evento qualsiasi, e selezionare invece l’opzione Tasks. Ovviamente le attività sono aggiornate in tempo reale, dunque se aggiungo, modifico, rimuovo una attività nel calendario, questo aggiornamento è immediatamente visibile anche in Gmail e viceversa. Ecco cosa leggiamo sul blog di Google:

COSA SI PUO’ FARE

  • le attività per cui è stata scelta una data di scadenza appariranno automaticamente nl nostro calendario identificate da un diverso colore;
  • per creare un compito con una data di scadenza in Calendario, fare clic su uno spazio vuoto nella vista Mese o nella sezione Tutto il giorno e selezionare l’opzione task;
  • per allegare una data di scadenza ad un task, fare clic sulla freccia destra accanto all’attività mostrata nell’elenco dei task, quindi, fare clic sull’icona del calendario per selezionare una data;
  • per modificare la data di un task, è sufficiente trascinare il task nella casella di una nuova data (drag and drop, come si farebbe con un evento di calendario);
  • per contrassegnare un’attività come completata dal calendario, fare clic sulla casella accanto al titolo del compito;
  • per tracciare la sequenza di tasks in programma è stato aggiunto nella sidebar un comodo filtro che ordina le attività per data di scadenza.

COSA MANCA

  • non è possibile utilizzare “aggiunta rapida” per creare compiti;
  • i tasks aggiunti al calendario non possono essere sincronizzati con altre applicazioni;
  • non è (ancora) possibile ricevere notifiche via SMS o e-mail per i tasks.

I gadget più interessanti da aggiungere a Gmail

12 maggio 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

La funzione “Aggiungi gadget tramite URL” nei Labs di Gmail è probabilmente una delle opzioni più utilizzate, in quanto consente di arricchire l’interfaccia della posta di Google con tantissime altre applicazioni.

Abbiamo già visto come integrare Twitter, ma in realtà possiamo permetterci di aggiungere molti altri social networks, aggregatori e tools di utilizzo nella quotidiana vita digitale. I nostri preferiti?

RICERCA SU GOOGLE MAPS, per trovare velocemente un indirizzo arrivato magari via mail
URL del gadget: http://www.google.com/ig/modules/mapsearch.xml

FRIENDFEED GADGET permette di scorrere solo i feed della nostra home e di utilizzare la funzione “like”. Niente opzioni di personalizzazione, ma comodo per un veloce check delle conversazioni.
URL del gadget: http://friendfeed.com/embed/googlegadget/spec

FACEBOOK GADGET piuttosto completo, permette di accedere alle notifiche sul proprio profilo, aggiornamenti degli amici, foto e perfino la ricerca nel gadget stesso.
URL del gadget: http://www.brianngo.net/ig/facebook.xml

TRADUTTORE GOOGLE
URL del gadget: http://www.google.com/ig/modules/dictionary.xml

DELICIOUS GADGET
URL del gadget: http://www.labpixies.com/campaigns/delicious/delicious.xml

FLICKR GADGET
URL del gadget: http://hosting.gmodules.com/ig/gadgets/file/100080069921643878012/flickr.xml

BIT.LY
URL del gadget: http://hosting.gmodules.com/ig/gadgets/file/107368512201818821991/bitly-shortener.xml

CALCOLATRICE
URL del gadget: http://calebegg.com/calc.xm

ReadWriteWeb ha una lista ancora più ricca di gadget e, ovviamente, considerando che Gmail supporta gli stessi gadget di iGoogle, è sufficiente dare un’occhiata alla directory di moduli aggiuntivi per trovare applicazioni praticamente per tutte le esigenze.

Un’idea per ripristinare la ricerca sul Web da Gmail

25 febbraio 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

temi personali in Gmail

temi personali in Gmail

Google sta continuando ad aggiungere nuove opzioni in Gmail attraverso la sezione Labs, ultima delle quali è la possibilità di creare una skin personalizzata, selezionando combinazioni di colori nella scheda Themes – grazie Omar ;)

Tuttavia nell’ultimo redesign è stata fatta fuori una funzione piuttosto utile: la versione più aggiornata di Gmail consente infatti di effettuare ricerche all’interno del nostro archivio di posta, ma non presenta più l’opzione “Cerca nel web”.

Dal momento che Gmail è, almeno per noi, l’applicazione che usiamo con più frequenza e da cui accediamo a diversi altri servizi (da qui il panico totale per i minuti di down di ieri), un piccolo escamotage per ripristinare la ricerca globale può essere quello di sfruttare un’altra funzione del Labs, ovvero i Gadget, per integrare un mini-form di ricerca su Google.

Gadget nei Labs di Gmail

Gadget nei Labs di Gmail

Come si fa? Tranquilli, è davvero semplice:

1. in Labs abilitiamo la funzione che permette di aggiungere i Gadget tramite l’URL di riferimento;

Gadget ricerca

Gadget ricerca

2. dopo la comparsa della scheda Gadget, all’interno di essa aggiungiamo il Gadget per la ricerca su Google copiando questo indirizzo
http://hosting.gmodules.com/ig/gadgets/file/107950459797439355026/Google_Search_Box_Gmail.xml

3. click su Aggiungi e, immediatamente, una piccola searchbox viene posizionata nella sidebar, sotto l’elenco dei contatti.

UPDATE 4/03
Senza tutte le funzioni che sono disponibili in Google Web Search – il popolare “forse cercavi”, la ricerca all’interno dei file PDF o di altri documenti, la selezione dei risultati in base alla pertinenza- ma la ricerca sul web è appena stata reintrodotta in Gmail.

Indicazioni stradali da Google sulle tue pagine web

17 dicembre 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Natale è per molti un periodo di viaggi e spostamenti, inclusi i membri del team di Google Maps che, per l’occasione, hanno trasferito in un gadget la funzione di Google Maps per ottenere indicazioni stradali.

Directions di Google Maps

Directions di Google Maps

Sappiamo tutti che, per muoverci da una località all’altra, possiamo sfruttare le mappe di Google per ottenere il percorso migliore (via automobile, a piedi o, dove possibile, con i mezzi pubblici). La stampa delle indicazioni, oltretutto, ha recentemente introdotto alcuni miglioramenti, dando all’utente la possibilità di personalizzare la cartina e scegliere se mostrare solo una guida testuale del percorso oppure una scheda corredata da tante mini-mappe, letteralmente passo dopo passo.

Ora, il gadget Directions di Google Maps può essere inserito in qualsiasi pagina web e configurato secondo le proprie impostazioni, per dare agli utenti la possibilità di trovare le indicazioni stradali per una certa località senza cercare altrove se non nello stesso sito.

Se, ad esempio, ho un’azienda che vuole rendere ancora più facile essere raggiunta dai suoi potenziali clienti, mi basta andare alla pagina di Directions, aggiungere l’indirizzo dell’azienda in Impostazioni Gadget (o più di un indirizzo semplicemente separandoli con il simbolo |), scegliere titolo da mostrare, dimensioni e colore del bordo e generare il codice da incollare nella mia pagina web.

Gli utenti che si interfacciano al gadget in una pagina web possono inserire il proprio indirizzo di partenza ed ottenere in un click le indicazioni di percorso, sia a video, sia nella versione stampabile.

In fondo al post potete testare il gadget, già adottato da molti partner di Google, come l’Università di Stanford o il parco giochi Legoland in California.

Project management con Google Docs

6 novembre 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Uno degli strumenti più utilizzati per la gestione dei progetti è il noto diagramma di Gantt, la cui costruzione permette di rappresentare con barre disposte su un asse orizzontale, lo svolgimento delle fasi di una determinata attività in un certo arco temporale.
“Un diagramma di Gantt permette dunque la rappresentazione grafica di un calendario di attività, utile al fine di pianificare, coordinare e tracciare specifiche attività in un progetto dando una chiara illustrazione dello stato d’avanzamento del progetto rappresentato.” (cit. Wikipedia)

Recentemente Google ha cominciato una collaborazione con il team di Viewpath, specializzato proprio in soluzioni di project management. Viewpath ha rilasciato un utilissimo gadget per i documenti di Google che permette di generare un diagramma di Gantt da una serie di dati inseriti in un foglio di calcolo.

Diagramma di Gantt in Google Docs

Diagramma di Gantt in Google Docs

Nel nostro esempio, abbiamo creato e compilato quattro colonne:
A= nome della fase di lavoro
B= data inizio attività
C= data fine attività
D= percentuale dell’attività svolta

Una volta selezionate tutte le celle create, dal menù Inserisci>Gadget scegliamo appunto Diagramma di Gantt: nel nostro foglio di calcolo compare un modulo in cui ci viene richiesto di associare a ciascun campo il nome della nostra colonna di riferimento. Portata a termine questa fase, possiamo vedere generato in pochi secondi il nostro calendario attività, dislocate nella linea temporale che abbiamo definito nel progetto. Ogni modifica che andiamo a fare nel documento si riflette in tempo reale anche nella timeline del diagramma.

(continua…)