Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
Advertising | Googlisti.com
Articoli recenti

Google riorganizza la distribuzione di video online

12 ottobre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

A poco più di un anno esatto dall’acquisizione di YouTube da parte del “motore di ricerca”, si comincia a notare lo zampino delle strategie di Google nei confronti del mercato dei video online.

I filmati di YouTube sono stati integrati nel circuito pubblicitario di Google, dato che i publishers di AdSense (al momento solo statunitensi) hanno cominciato ad avere la possibilità di inserire nel proprio sito le cosiddette Video Units. In poche parole, sui siti del network di AdSense si possono distribuire contenuti in formato video attraverso l’integrazione di un player integrato, con layout personalizzabile che, ovviamente, non si avvia all’apertura della pagina, ma soltanto al fatidico click dell’utente.

Gli advertisers infatti saranno caricati del costo per click per ogni video che viene effettivamente visto, mentre i publishers potranno selezionare le categorie di video, oppure lasciare che Google adatti il filmato in base ai contenuti del sito di riferimento. Inutile dire che anche i filmati saranno targettizzati, secondo la logica propria dell’intero circuito AdSense ed i guadagni ottenuti saranno suddivisi tra il publisher che ospita la video-pubblicità ed il partner YouTube che ha creato il contenuto.

(continua…)

Aiutatemi a comprare un nuovo Mac!

23 novembre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Questo l’annuncio di una giovane programmatrice californiana che ha lanciato l’help attraverso il suo sito web ed è stata velocemente duggato, ottenendo la visibilità sperata. Ed ovviamente centrando l’obbiettivo.
Ma raccontiamo la storia con ordine.

MacBook.jpgLeah Culver è una programmatrice il cui “vecchio” iMac G3, chiamato Banquo, era arrivato ormai alla fine dei suoi giorni: urgeva l’acquisto di un MacBook Pro da 15″ (con Intel Core 2 Duo @ 2,33 GHz e 3 GB di RAM,) che l’ha praticamente lasciata in braghe di tela.
Come rimpinguare le casse svuotate? Leah ha un’idea: mettere in vendita la superficie del retro del MacBook, per 150 $ a pollice quadrato, come spazio pubblicitario decisamente originale, che lei si impegna a portare con sè nella zona di lavoro, la San Francisco Bay Area, garantendo visibilità a tutti gli sponsor.
I loghi delle aziende saranno incisi al laser sul retro del laptop, operazione relativamente semplice ed economica per Leh, che può usufruire dell’aiuto dei colleghi dello Squid Labs.

E così, la giovane programmatrice ha “sponsorizzato” il retro del suo Mac, coperto il conto in banca e guadagnato popolarità online grazie a questa curiosa storia, peraltro raccontata anche attraverso un video!

Questa sì che si chiama creatività!

via Tagliablog

Million Dollar Building

4 ottobre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

MillionDollarBuilding.jpgPotrebbe sembrare un bufala, ma abbiamo verificato che non lo è: anzi, se visitate il sito del Sandberg Institute di Amsterdam troverete tutte le specifiche nel caso vogliate acquistare uno spazio pubblicitario …sul loro grande palazzo nella zona commerciale di Zuid-As.
Il progetto che, a detta loro, si situa a metà tra pubblicità e arte, si ispira chiraramente alla famigerata Million Dollar Homepage, che metteva in vendita pixel per pixel una pagina web da un milione di pixel al prezzo di un dollar l’uno. Ricalcando questa strategia il Sandberg Institute vende le piastrelle che coprono l’intera facciata ( 35×29 cm ciascuna) a circa 20 euro ognuna, operazione certamente molto più lucrosa.
Ma siamo davvero sicuri che un’intero grattacielo rivestito di banner pubblicitari si possa ritenere un’opera d’arte? A noi più che altro sembra l’emblema del business a tutti costi: probabilmente se fosse stata una bufala avremmo tirato un sospiro di sollievo…

Dopo la pionieristica idea di Milion Dollar Homepage sono molti i tentativi di guadagnare con la pubblicità pixel per pixel: l’ultima novità si chiama GPix Pixel Ad Script ed è uno script open source che vi permette di inserire nel vostro blog e gestire agevolmente la vendita di pixel pubblicitari.

Omaggio ai Campioni del Mondo

27 settembre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Troppo belle per passare inosservate le immagini di una campagna stampa Nike che con originalità ed ironia celebra la squadra italiana e la creatività nostrana dei meravigiosi anni ’20. Cliccate e ammirate!

nike_cannavaro.jpgnike_gattuso.jpgnike_iaquinta.jpgnike_materazzi.jpgnike_pirlo.jpgnike_zaccardo.jpgnike_zambrotta.jpg

via Ads of the World