Articoli recenti

Grafica personalizzata per la nostra pagina iGoogle

20 luglio 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

iGoogle è il nome della nuova homepage personalizzata di Google, che nel suo redesign ha visto l’aggiunta di nuovi moduli e della possibilità di modificare l’aspetto grafico della pagina stessa grazie ad una serie di temi a disposizione.

una delle nuove skin per iGoogleA distanza di qualche mese ecco spuntare una nuovo gadget, Custom iGoogle Skin, realizzato da Bonstio, il quale, una volta aggiunto alla nostra homepage personalizzata di Google, ci permette di scegliere tra un elenco di skin già bell’e pronte per sostituire quell di default oppure anche di creare il nostro tema personale e condividerlo con gli altri utenti!

Custom iGoogle Skin è infatti composto da tre tabs:

1. directory delle skin disponibili; cliccando su una miniatura dell’immagine andiamo a sostiture la grafica esistente;
2. istruzioni e dettagli per creare la propria skin via CSS (disponibile anche un gruppo di supporto);
3. form di invio della propria skin.

Questo gadget funziona sia con Firefox che con IE e consente di avere una skin diversa per ogni tab di iGoogle; Bostio annuncia anche imminenti novità: un editor integrato nel gadget che ci permette di modificare il CSS di iGoogle al volo!

Intanto l’elenco di skin disponibili si allunga a vista d’occhio: tenete sotto controllo le novità nella directory per vestire con nuovi temi la vostra pagina iGoogle!

Cambiare stile agli annunci AdSense

5 luglio 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

L’introduzione da parte di Google dei nuovi formati di AdSense, personalizzabili non più solamente quanto a colore e dimensione, ma anche rendendo più morbido lo stile della “cornice” con gli angoli arrotondati, è andata di pari passi con un’altra notizia (non ufficiale) per rendere più gradevoli gli annunci pubblicitari ospitati dai publishers.

Web 2.0 Magazine ha infatti stilato una rassegna di ben 29 modelli da utilizzare per personalizzare praticamente tutti i formati degli annunci Adsense di Google in maniera relativamente semplice.
E’ sufficiente salvare l’immagine di sfondo che preferite e copiare/incollare i codici CSS e HTML pubblicati dal sito stesso (via AdClustr).

Riportiamo qui qualche esempio, ma per visionare tutti i formati vi rimandiamo alla lettura completa dell’articolo.

Full Banner blu1. FULL BANNER

Angoli arrotondati in blu [vedi codice]

Mezzo rettangolo nero2. HAL BANNER

Mezzo banner nero [vedi codice]

bottone quadrato3. BOTTONE

Piccolo box quadrato [vedi codice]

(continua…)

Un nuovo tema per Google Reader

17 aprile 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Stanchi dell’aspetto grafico di Google Reader? Da oggi possiamo cambiarlo!

tema per Google ReaderIl nuovo tema non viene direttamente da Google ma è stato realizzato da Hicksdesign, che sul proprio sito mette a disposizione il download gratuito dello stile e le istruzioni per installarlo sui vari browser.

Noi abbiamo provato con Firefox:

1. Scarichiamo Greader.zip direttamente dal sito Hicksdesign (ci sono due cartelle compresse, una con lo stile per Firefox e Camino, l’altra per Mac OSX)

2. Installiamo l’estensione per Firefox Stylish e riavviamo il browser

3. In Firefox apriamo Strumenti>Componenti Aggiuntivi

4. In Estensioni clicchiamo sulla voce Opzioni di Stylish

5. In Gestione Stili clicchiamo Crea e copiamo nella finestra di dialogo lo stile (greader.css) contenuto nella cartella scaricata (la versione per Firefox)

6. Diamo un nome allo stile, salviamo e visitiamo Google Reader per vedere il nostro nuovo design!

via etc

CSS Naked Day 2007

5 aprile 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Che cosa è successo a Googlisti? Dov’è finito lo stile?? O siete voi ad avere qualche problema con il browser?

Niente di tutto questo, semplicemente oggi 5 Aprile ricorre il secondo CSS Naked Day, iniziativa lanciata da Dustin Diaz che ci vuole per un giorno intero…nudi! Come lo scorso anno, anche oggi ci siamo spogliati del CSS, quindi vedrete il nostro <body> privo di stile ed elementi grafici.

Il CSS Naked Day vuole promuovere l’adozione degli standards web, un uso proprio dell’(x)html, della semantica, di una buona struttura gerarchica: è anche un’occasione per testare la nostra struttura senza CSS.

Se vi abbiamo convinto a partecipare, sappiate che per gli utenti di WordPress esistono anche alcuni plugin che consentono di rimuovere lo stile automaticamente: QuickOnlineTips consiglia 48 hours naked day plugin e WP:naked day plugin.

In ogni caso, per contribuire all’iniziativa dovete andare sul sito ufficiale del CSS Naked Day, compilare il form per aggiungere il vostro sito all’elenco di tutti i partecipanti e, a scelta, inserire nel vostro sito uno snippet di codice che spieghi ai vostri visitatori il motivo della vostra “nudità”.

Less is more!

Quanto sei Web 2.0?

1 settembre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

go Da ogni parte si cita e si dibatte sulla cosiddetta “seconda fase” del Web, ma sapreste misurare il vostro effettivo grado di conoscenza (o utilizzo) di quei servizi che del Web 2.0 sono i più famosi rappresentanti?

Un velocissimo (ed ironico) test costruito da Scott Schiller potrà darvi una risposta, scavando nella storia dei vostri links e restituendovi il punteggio di consapevolezza 2.0, con tanto di applausi o fischi di disapprovazione.

Ma come riesce a “vedere” quali siti io abbia visitato o meno? Non temete per la vostra privacy, non c’è alcuna violazione! Attraverso Javascript il test legge gli attributi di stile definiti nel CSS per i links visitati; effettuando un checkup su una nutrita lista di siti 2.0, lo stile dei links visitati determina il vostro punteggio, niente di più. Questa tecnica non è nuova, ma certo ora trova un utilizzo innovativo, o quantomeno originale!

Per capirne meglio il funzionamento, vedete l’esempio costruito da Lenssen; oppure seguite i links di chiarimento forniti dall’inventore del test.