Articoli recenti

Le ultime novità nei documenti di Google

3 novembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

NUOVO EDITOR DI GRAFICI
Google Spreadsheets ha un nuovo editor per i grafici che contiene un elenco di grafici consigliati, permette di selezionare i colori e ha un riquadro di anteprima più grande. Si posso aggiungere timelines, organigrammi, indicatori e grafici in movimento senza l’utilizzo di gadget.

STORICO DELLA VERSIONE DI UN FILE
Ecco una funzione che sarà utile quando Google Docs aggiungerà il supporto per la sincronizzazione: lo storico della versione di un file. Finora abbiamo usato questa funzionalità per i documenti che possono essere modificati in Google Docs, ma non per i PDF e altri files.

Ad oggi, ogni volta che si modifica un file si deve caricare la nuova versione come un nuovo file con un nuovo URL, ri-condividere e mettere nella cartella il file corretto. Ora invece, selezionando l’opzione Aggiungi o gestisci le versioni di qualsiasi tipo di file, è possibile caricare nuove versioni di un file, scaricare le versioni precedenti ed eliminare le versioni più vecchie. Unico svantaggio è che questo si può fare manualmente, ma, nel caso di due files identici con lo stesso nome, il sistema non riesce a sostituire automaticamente il vecchio file con la nuova versione.

FUSION TABLE
Un interessante servizio lanciato lo scorso anno in Google Labs, che presto sarà disponibile in Google Docs, per aiutare gli utenti a gestire grandi insiemi di dati con l’obiettivodi fondere la gestione dei dati con tools di collaborazione: unire più fonti di dati, discussione dei dati, visualizzazione e pubblicazione sul Web.

CLOUD PRINTING
Il Cloud Printing è un progetto che abiliterà le applicazione di qualsiasi dispositivo a stampare i documenti, scavalcando drivers e sistemi operativi locali attraverso l’uso di un servizio di stampa cloud. Google afferma che le stampanti “verranno trattate più o meno allo stesso modo dei documenti in Google Docs”. Cloud Printing sarà attivato probabilmente nelle prossime settimane in Google Chrome e Chrome OS.

Nuova generazione di Google Docs

13 aprile 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

In occasione dell’evento Atmosphere, dedicato al cloud computing, Google ha rivelato alcune interessanti novità sulla sua “suite” di strumenti di lavoro online: Documenti, fogli di calcolo e presentazioni.

Innanzitutto si parla di velocità: poichè la lentezza è stata una delle lamentele degli utenti di Google Docs, soprattutto nei fogli di calcolo, il nuovo editor di documenti ci dovrebbe fornire performance più rapide.

Nuove funzioni nei documenti e fogli di calcolo
Nei docs: aggiunto il righello a margine, migliorata la numerazione e gli elenchi puntati, semplificato il posizionamento delle immagini all’interno di un testo.
Nei fogli di calcolo: nuova barra di composizione delle formule, completamento automatico nelle celle, drag & drop delle colonne e altre funzionalità non possibili con i vecchi browser.

(continua…)

Buzzword, l’editor online di Adobe

12 novembre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

La concorrenza tra web application è piuttosto agguerrita, siano esse utilità per la manipolazione delle immagini, della musica, dei video o per la stesura ed archiviazione di documenti online.
E proprio nel mercato degli editor di scrittura si è recentemente lanciata anche Adobe, acquistando dalla società di Boston che l’ha creato Buzzword, un’elegante applicazione online di scrittura realizzata completamente in Adobe Flex.

Buzzword salva i documenti creati online, rendendone possibile l’accesso via browser da qualunque postazione connessa ad Internet e consente di condividere il file con altri utenti, assegnando ad essi diversi livelli di collaborazione.
Tuttavia, il testo creato NON è pubblico, dunque nessuno potrà visualizzarlo a meno che non sia stato espressamente invitato via email dall’autore ad accedervi.

Una volta registrato l’account, salviamo nei segnalibri la pagina da cui gestire e i nostri documenti, per averne accesso diretto.

il menu di BuzzwordLa maggior parte delle funzioni previste è comune alla media degli editor di scrittura: i pulsanti colorati della toolbar ci aiutano a manipolare fonts e paragrafi, impostare il formato della pagina, creare elenchi puntati e numerati, inserire immagini con estrema facilità, aggiungere tabelle e commenti a margine.
Nella parte inferiore della pagina, invece, sono presenti altri controlli: (continua…)

100 inviti per provare BeFunky

31 ottobre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Be Funky logoQualche tempo fa ricevemmo un invito a testare BeFunky, certo non l’unica tra le applicazioni web a fornire strumenti gratuiti per l’illustrazione, ma a suo modo originale in quanto consente agli utenti di “disegnare” un avatar personalizzato in pochissimi step.

La trasformazione delle foto avviene essenzialmente in due modi:

1. Uvatar (crasi da U+avatar) è la conversione di un’immagine in illustrazione, procedimento che fino a poco tempo fa BeFunky offriva gratuitamente agli utenti registrati. In pratica si inviava la foto da modificare al sito ed illustratori in carne ed ossa lavoravano gratuitamente per restituire il ritratto trasformato in disegno, impiegando diversi giorni per la consegna. Viste le numerose richieste, BeFunky ha reso questa operazione a pagamento ($ 4,99 per uvatar) mettendo tuttavia a disposizione una galleria di elementi grafici preconfezionati da selezionare e mescolare per creare una figura che ci somigli in modo abbastanza fedele.

2. Cartoonizer è invece lo strumento che ci permette di generare un disegno in tempo reale semplicemente caricando una foto dal computer o via webcam, ritagliando l’area di nostro interesse ed applicando trasformazioni essenziali come le linee dei contorni, la colorazione e (a scelta) qualche effetto di distorsione. In 3 passaggi si ottengono schizzi niente male pur non avendo la minima conoscenza di programmi di grafica ed illustrazione.

Da qualche giorno, poi, BeFunky regala agli utenti registrati ben 100 inviti per chiamare all’appello chiunque voglia provare a “trasformarsi” in avatar animato.

Curioso di sperimentare BeFunky? Ti invitiamo noi! Ci serve solo il tuo indirizzo email. ;)

A proposito di favicon

9 febbraio 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Una delle ultime novità in fatto di favicon è il sito Favicon2Dots, dove possiamo caricare la nostra favicon già realizzata e trasformarla in una immagine fatta di pixel a tre dimensioni: un effetto molto carino e visivamente diverso dalle solite favicon in circolazione: inoltre, un modo per evidenziare il nostro sito tra i numerosi bookmarks salvati dai lettori!
Non è un mistero infatti che, negli ultimi tempi, abbiamo assistito ad una vera e propria invasione di favicon, spuntate sui bookmarks, nella barra degli indirizzi, nei blogrolls, in del.icio.us, nei Feed RSS! Vista l’importanza di una buona corporate image, non possiamo trascurare nemmeno questo piccolo elemento grafico come contributo allo status di un sito web.
Ispirati dalla pubblicazione di una bella classifica di favicon su SmashingMagazine, abbiamo pensato di darvi qualche consiglio ed alcuni links per crearvi la vostra bella icona colorata.

Innanzitutto favicon è un termine inglese costituito da una crasi tra le parole favorite icon ed identifica una piccola icona grafica associata ad una particolare pagina (o sito) web.
(continua…)

Google Brin Creator

29 ottobre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Credereste che, dopo il lancio di Google Page Creator, Sergey Brin si è sentito offeso perchè mai il suo cognome è stato scelto per un servizio di Google?
Brin Editor.gifGià dall’ideazione del Page Rank, Larry (Page, appunto) ha sempre goduto di maggiore notorietà, già solo per il fatto di aver dato ad una così grande innovazione il suo stesso cognome. Ed ora, dopo l’ennesima sconfitta, i fans di Sergey hanno deciso di sostenerlo dimostrandogli il loro affetto con il progetto Google Brin Creator: se Page Creator aiuta gli utenti a creare rapidamente pagine web, il Brin Editor (Beta) è un tool che consente di creare in pochi click la vostra Brin-mascotte personalizzata e pubblicarla online per condividerla con il mondo intero!!

Ovviamente il sito è tutta una parodia, ma davvero ben realizzata, se pensate che è stata prevista anche una lunga pagina di FAQ!

[Tutto su Brin e Page nella pagina del Google Team]
[via Digital Inspiration]

Un programma nascosto in Windows Xp!

24 settembre 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Windows Xp ci ha riservato una sorpresa: clicchiamo su Start> Esegui e digitiamo la parola eudcedit.
Si apre così istantaneamente un programmino, l’Editor di caratteri personalizzati (PCE) il quale, leggiamo nella guida, consente di creare fino a 6.400 caratteri univoci, quali lettere speciali e logo, da utilizzare nella propria libreria dei tipi di carattere. Il programma eudcedit.exe non è elencato nella lista Tutti i programmi di uso comune, ma si trova nella cartella di sistema \Windows\System32.

seleziona_codice.gifIn pratica quest’applicazione serve a creare nuovi simboli, lettere o loghi cui sarà assegnato un valore esadecimale e che potranno essere aggiunti all’elenco di caratteri speciali che usate normalmente in Word, Outlook o altri programmi di scrittura Windows.

salva.gifSe si desidera creare un nuovo carattere personalizzato utilizzando come modello un carattere esistente, è possibile copiare il carattere esistente nella griglia Modifica e quindi modificarlo in base alle proprie esigenze oppure visualizzare il carattere esistente nella griglia Riferimento da utilizzare come riferimento accanto alla griglia Modifica. Si può utilizzare qualsiasi carattere tra quelli installati nel computer.
Se invece volete provare la vostra abilità, nella barra laterale sinistra vedrete una penna, un pennello, alcune linee, una gomma, ovvero gli strumenti di base per iniziare a disegnare la forma (nel mio caso, ho provato a disegnare le mie iniziali, così da apporle a mò di “sigillo” delle email: l’utilizzo è molto semplice, anche per chi non ha esperienza con programmi di grafica).
(continua…)