Articoli recenti

Dopo Android e browser, Google lancia l’app di Places e Hotpot per iPhone

14 gennaio 2011

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Dopo l’annuncio del rilascio di Places con Hotpot via browser, come livello aggiunto alle mappe, da ieri Google ha lanciato Places + Hotpot anche come app per iPhone (come già su dispositivi Android).

Una volta scaricata l’app gratuita, per ora solo in inglese, facciamo login con il nostro account di Google e possiamo cercare i luoghi vicini a noi sulla base di una serie di categorie come ristoranti, bar, alberghi, sportelli bancomat e attrazioni turistiche.

Cliccando sul luogo scelto, possiamo effettuare anche altre azioni: accedere a informazioni dettagliate, vederlo sulla mappa, leggere le indicazioni stradali, effettuare una telefonata e ovviamente aggiungere le nostre valutazioni, dando il nostro voto a una serie di parametri e aggiungendo una recensione personale. Il nostro contributo entrerà a far parte delle informazioni di HotPot relative a quell’attività locale e sarà accessibile a tutta la nostra rete di contatti che si troveranno a cercare lo stesso luogo.

Tra le iniziative lanciate ultimamente da Google, molte delle quali con scarso successo, probabilmente Hotpot è una delle più lungimiranti: le mappe di Google sono diventate di uso comune, quindi non si tratta di insegnare alle persone ad utilizzare uno strumento nuovo, ma semplicemente di aggiungere informazioni (un livello “social”) a qualcosa di già noto e familiare.
Da parte delle attività di business locali invece, queste nuove features segnano l’importanza crescente di poter gestire le informazioni relative alla propria attività, con un buon profilo su Google Places e il monitoraggio delle recensioni e valutazioni degli utenti.

Se è vero che Google ha intenzione di lanciare il proprio social network (Google Me?), probabilmente cavalcare l’onda dei geo-services è la strada migliore. Ovviamente c’è ancora molto da fare e migliorare, ma siamo curiosi di scoprire quali scenari possa aprire l’entrata in gioco di un competitor come Google nella scalata alla (social)geolocalizzazione.

Geolocalizzazione + social web: un nuovo terreno da conquistare

12 gennaio 2011

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Dallo scorso anno abbiamo assistito all’imponente avanzata di webtool per la geolocalizzazione di persone, business, brand e contenuti: entre Foursquare annuncia la release delle nuove pagine business, dove i gestori di brand e attività locali posso rivendicare il proprio negozio e attivare tips, promozioni e offerte speciali, Google fa sapere che da oggi le recensioni/raccomandazioni lasciate dagli utenti su Hotpot saranno integrate nelle mappe di Google.

Questo significa che, nel momento in cui andremo a effettuare una ricerca per un ristorante (o altro), oltre ai risultati “istituzionali” Google ci metterà a disposizione un ulteriore livello di informazioni “social”, rilevati dai contenuti pubblicati dai nostri amici iscritti a Hotpot.

Poiché più alto è il numero di contatti che aggiungiamo alla nostra rete sociale di Hotpot, più numerose saranno le recensioni che potremmo scoprire nelle varie località, chi si è iscritto a questo nuovo tool geo-social di Google farebbe bene ad ampliare la cerchia di “amici”.

La seconda riflessioni riguarda invece le attività locali, per le quali Hotpot diventa un ulteriore campo da monitorare, sia tenendo sotto controllo le opinioni dei clienti per verificare il loro livello di soddisfazione e rispondere ad eventuali critiche e domande, sia rivendicando il proprio negozio/locale/ristorante su Google Places in modo tale da migliorare il proprio ranking nei risultati locali di ricerca e avere uno spazio gestibile in maniera autonoma, per aggiornare le informazioni di business, aggiungere foto e video e, perchè no, sconti e coupon con le offerte del giorno.

Localizzazione e raccomandazioni: Google lancia Hotpot

17 novembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Insieme alla release di nuove funzioni per Google Places, tra cui l’upgrade delle recensioni per ristoranti e hotel, che ora sono dotate di “sentimenti” tramite emoticons e della possibilità di effettuare una prenotazione on the fly, Google sta lanciando l’ennesima nuova piattaforma.

Si chiama Hotpot e dovrebbe rendere più rilevanti i risultati delle ricerche locali attraverso le recensioni dei propri “amici”, o comunque della propria rete sociale:

[...]a local recommendation engine powered by you and your friends

Gli step che hanno portato allo sviluppo di Hotpot sono: voglio trovare una località nuova > sono sopraffatto dalla mole di informazioni disponibili > mi rivolgo a fonti di cui mi fido (le raccomandazioni degli amici).
In sostanza Google ha unito Places, il meccanismo del rating e ciò che piace alla nostra rete sociale per creare un tool che ci potrà offrire dei risultati personalizzati di attività di business per le ricerche locali.

Nella pagina di ricerca, selezionando l’etichetta Places potremo filtrare i risultati locali in base alle segnalazioni degli amici oppure alle località che noi stessi abbiamo votato e salvato in precendenza.
Oltre alla Hotpot Rating App, aggiornamento e fruizione dei contenuti potranno essere fatte anche da mobile, con l’app per Android.

Quello che Google non sottolinea è che, per poter utilizzare Hotpot in maniera efficace, dobbiamo prima avere una rete sociale tramite cui leggere le recommendations e con cui condividere le nostre recensioni. Hotpot ti fa accedere a questa applicazione standalone con un nick e ti costringe a creare una nuova lista di contatti con cui cominciare a interagire: non è in alcun modo integrato con i social networks esistenti e non sono previste (almeno per ora) possibilità di login con OpenID e condivisone su altri siti.
Sicuramente l’esperienza di Buzz ha insegnato a Google che ogni persona deve poter gestire autonomamente con quali e quanti contatti condividere informazioni e nuovi servizi, però la totale chiusura non è sicuramente la soluzione migliore, ma un gran bel “freno” perfino in questa fase di test.

[screenshot via Google Latlong]

Google compra Quicksee per avere video panoramici in Street View

15 settembre 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

quickseeLa startup israeliana Quicksee conferma di essere stata acquisita da Google per 10 milioni di $ e che i suoi impiegati andranno a nelle fila del team Geo di Google.

Il lavoro di Quicksee consiste nella creazione di video interattivi basati sulla localizzazione, una sorta di video-tour per permettere alle persone di viaggiare virtualmente in tutto il pianeta come se fossero lì. In pratica il software di Quicksee consente di realizzare tour panoramici interattivi a partire da brevi filmati, senza bisogno di utilizzare una foto/videocamera a 360° (come quella di Street View, ad esempio).

E proprio in Street View si vede l’obiettivo strategico di Google, che presto potrebbe offrire, oltre al livello di immagini panoramiche dell’area localizzata, ma un vero e proprio video-tour virtuale. Ecco un video di come Quicksee potrebbe integrarsi con Street View:

Chissà come la metteranno con le facce da nascondere…
[via techcrunch]

10 cose che (forse) non sai di Google Maps [parte I]

11 maggio 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Mentre ci prepariamo alla partenza per il Salone del Libro, scopriamo con piacere questo bel post di Lifehacker che evidenzia alcune delle funzioni meno note (ma utilissime) di Google Maps.

1. INDIRIZZI PREFERITI (STARRED)

indirizzi preferiti

indirizzi preferiti

Sembra banale, ma cliccando sull’icona a stella accanto a un annuncio in Google Maps risparmiamo un bel po’ di tempo nel ripescaggio a posteriori di quell’informazione. Sia da browser che da mobile, quando inseriamo un indirizzo da ricercare Google ci “ricorda” i nostri “Preferiti“: molto più veloci della digitazione manuale e, se stiamo creando un elenco provvisorio di posti dove andare, i Preferiti possono essere una comoda lista di controllo “usa e getta”.

2. IO SONO QUI
Tra lo strumento di navigazione a quattro punti e lo zoom c’è un piccolo pulsantino azzurro che, cliccato in Firefox o Chrome, consente a gMaps di utilizzare Wi-Fi nelle vicinanze e dati IP per stabilire (approssimativamente) la nostra posizione. MyLocation è molto comodo quando siamo in un luogo sconosciuto con uno scarso senso di orientamento!

3. ITINERARI DI VIAGGIO
Vuoi girare in una nuova città senza dover tirare fuori smartphone o mega-mappa pieghevole ad ogni incrocio? Google City Tours consente di crearsi un percorso “a step” organizzato su più giorni, con direzioni per girare a piedi formattate per la stampa. Se non altro, è un risparmio di carta: una sola mappa con una serie di indicazioni, contro 10 fogli da buttare.

4. SEGNALARE LOCALITA’ ERRATE
Se scopriamo su gMaps un puntatore poco preciso, un numero telefonico sbagliato, o un sito web inesistente, a volte possiamo risolvere il problema da soli. Cliccando il marker di un indirizzo possiamo selezionare “Modifica dettagli” per aggiornare le informazioni della località in questione. Questa funzione non è attiva per le imprese che hanno “rivendicato” la loro attività attraverso il Business Center di Google Maps (ora Places), e ci sono dei limiti su ciò che è possibile spostare, tuttavia se un puntatore viene riconosciuto come palesamente sbagliato, possiamo sistemarlo da soli o anche semplicemente segnalare il problema al team di gMaps.

5. PERCORSI IN BICI
I percorsi per la bici di gMaps sono più di una semplice stima del tempo impiegato per andare da una località all’altra sulle due ruote: Google progetta percorsi di viaggio studiati apposta per le bici, prendendo in considerazione il traffico, ma anche le colline, gli itinerari ritenuti “bike-friendly” e altri dati specifici per il percorso in questione. Le piste ciclabili (che normalmente non sono indicate nella mappa) vengono evienziate col colore verde e sono lo strumento migliore per un ciclista che voglia esplorare una nuova area.

Lavori in corso per City Tours: ora possiamo importare le nostre mappe

1 febbraio 2010

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Sette mesi fa, Google lanciava nei Labs City Tours, un tool basato sulle mappe che permette di organizzare un tour virtuale di una località, offrendo suggerimenti per escursioni a piedi, con tanto di distanze e tempi di percorrenza.

Negli ultimi mesi il team di Google ha continuato a lavorare su City Tours per tener conto delle centinaia di suggerimenti da parte degli utenti in tutto il mondo. Ora, sebbene ancora nei Labs, sono stati integrati diversi aggiornamenti:

Google City Tours

Google City Tours

1. Indicazioni a piedi dettagliate.
In precedenza, Google stimava il tempo necessario per andare da una destinazione all’altra basandosi solamente sulla distanza tra di esse. Ora invece le indicazioni sono più accurate, tenendo conto di elementi reali come i tipi di strade, i ponti, etc.

2. Miglioramenti dell’interfaccia utente, progettati per rendere City Tours più usabile, familiare e simile a Google Maps.

3. Possibilità di importare una mappa personale come tour.
L’utente che ha già creato una propria mappa con punti di interesse che ha visitato (o vorrebbe visitare) durante un viaggio, può ora importare questo itinerario tramite link in City Tours e sfruttare le sue funzioni per organizzarlo al meglio. Ad esempio, si possono stimare le distanze reali tra una località e l’altra, i tempi degli spostamenti e di permanenza nelle singole tappe.

Lungi dall’essere completo (mancano, ad esempio, la possibilità di riordinare le tappe, invitare collaboratori, salvare e stampare il percorso, embeddare il tour in una pagina web), City Tours si sta affermando come un interessante tool di geolocalizzazione che, in previsione di essere utilizzato unitamente alle mappe e ai dispositivi mobili, potrà esserci davvero utile per rendere la pianificazione di un viaggio semplice come fare una ricerca con Google.

Cronologia delle posizioni e alerts per Google Latitude

25 novembre 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Dal lancio di Google Latitude all’inizio di quest’anno, ci sono state moltissime richieste di funzionalità da parte degli utenti, inclusi alcuni requisiti indispensabili che inizialmente Google non aveva previsto.
Una delle idee più popolari era quella di poter tenere traccia della cronologia della propria posizione, che consente di vedere dove seiamo stato in qualsiasi punto nel tempo.
Un’altra necessità diffusa era la notifica di vicinanza degli amici con cui siamo connessi, in modo da poterli incontrare facilmente. Ad oggi, queste idee sono diventati funzioni reali, insieme a qualche altra novità.

location history di Latitude

location history di Latitude

Cronologia delle posizioni: serve a memorizzare, visualizzare e gestire le ultime località visitate via Latitude. Possiamo visualizzare la nostra storia su Google Maps e Google Earth o riprodurre un viaggio recente in ordine cronologico attraverso un tasto “play“. Naturalmente, è possibile rimuovere alcuni dei luoghi o l’intera storia oppure esportarla in un file KML. Al momento, gli amici non possono accedere alla nostra cronologia

Alert sulle posizioni (BETA): consente di ricevere ed inviare notifiche via mail (in Italia ancora niente SMS) quando gli amici di Google Latitude sono vicini, ma soltanto quando si è in qualche posto interessanti o inusuali. La funzione di notifica utilizza la Storia delle Posizioni per inviare le notifiche solo quando ci sono più probabilità che esse siano realmente utili per noi e i nostri amici nelle vicinanze. Questa sorta di Alert “intelligente” serve ad evitare la ridondanza di notifiche filtrando ed omettendo le posizioni abituali, ad esempio casa o il lavoro.

Badge posizione pubblica: permette di personalizzare, copiare e incollare uno snippet di codice HTML da incorporare in una pagina web con l’ultima posizione geografica rilevata tramite Latitude. Anche nei profili Google (per ora solo nell’interfaccia inglese) è stata abilitata l’opzione di mostrare il badge della posizione attuale comunicata tramite Latitude.

Posizione su Google Talk: serve a mostrare la propria località rilevata tramite Latitude a tutti i contatti di GTalk e Gmail; lo status si aggiorna automaticamente ogni volta che facciamo checkin in una nuova città.

Tutte le applicazioni sono opt-in, quindi è necessario attivarle in modo esplicito, così come, allo stesso modo, è necessario rimuovere l’autorizzazione per interrompere la pubblicazione di questo tipo di dati personali, rilevati tramite Latitude.

E ora Google ti localizza sulle mappe anche via browser

13 luglio 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Chi utilizza Google Maps per cellulari, avrà già sperimentato la funzione My Location: al click di un pulsante viene indicata sulla mappa la nostra posizione attuale con un cerchietto blu.

Google Maps My Location

Google Maps My Location

Da qualche giorno Google ha annunciato il lancio di My Location anche via browser.
Quando si visita Google Maps con un browser Web supportato, viene visualizzato un nuovo piccolo pulsante in alto a sinistra della mappa (sopra il controller dello zoom); con un solo click sul cerchietto la mappa viene centrata sulla nostra posizione approssimativa la quale, se può essere determinata con precisione sufficiente, viene a sua volta evidenziata da un cerchio blu, proprio come in Google Maps Mobile. Per rimuovere la localizzazione, o per ri-centrare la mappa dopo esseresi spostati, basta fare di nuovo click sul pulsantino.

La prima volta che si attiva My Location, il browser visualizza un messaggio di sicurezza, in cui chiede all’utente se desidera condividere la propria posizione con Google Maps. Se si nega questa richiesta, My Location non viene attivato mentre, se si accetta, il browser tenterà di determinare la posizione dell’utente.
Quando viene presentato il messaggio di protezione del browser, è possibile scegliere di ricordare la nostra decisione così da evitare di ripetere la stessa procedura quando si attiva My Location in futuro.

Per ottenere la nostra posizione, Google Maps sfrutta l’API di Geolocalizzazione W3C, una nuova feature disponibile negli ultimi browser web, che consente a qualsiasi sito web di accedere alla propria posizione attuale. Attualmente, può utilizzare My Location in Google Maps chi naviga con Google Chrome, Firefox 3.5 o qualsiasi altro browser web con Gears installato.

Altra novità in arrivo nelle Mappe di Google è lo storico delle ricerche recenti, posizionato in un pannello in fondo alla sidebar delle ricerche. La nuova opzione consente anche di caricare una vecchia ricerca effettuata, che viene mostrata sulle mappe con indicatori di colori differenti: questo significa anche che possiamo comparare più ricerche effettuate simultaneamente. La cronologia ricerche non è ancora attiva su tutti gli account, ma si prospetta già una funzione di cui non faremo più a meno!