Articoli recenti

Eseguire una stampa da mobile con Google Cloud Print

31 gennaio 2011

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Mettiamo di aver bisogno di stampare un documento mentre stiamo andando in ufficio, in modo che sia già pronto nel momento in cui ci sediamo alla scrivania. Ecco, Cloud Print consente di ottenere esattamente questo risultato, attivando un servizio di stampa tramite la web app di Gmail (e presto di gDocs) dal nostro smartphone (iPhone o Android), senza bisogno di installare alcun driver.

Cloud Print è una funzione a parte, utile per stampare documenti da dispositivi che non possono comunicare con le stampanti (es. i telefoni cellulari). Le versioni mobile di Gmail e Google Docs ha iniziato a sostenere Cloud Print, ma è necessario avere un iPhone o un telefono Android.
L’integrazione consente di stampare gli allegati senza dover utilizzare un computer a tutti gli effetti, tuttavia, dal momento che non esiste una stampante con supporto nativo per Google Cloud Print, c’è ancora bisogno di Google Chrome.

La prima cosa da fare è collegare la stampante a Google Cloud Print. Per ora, questo passaggio richiede un PC con Windows, ma pare che Linux e Mac saranno disponibili a breve. Se si sta utilizzando la versione mainstream di Chrome (stabile o beta), questa funzione non è attivata di default, ma si trova digitando about: flags nella barra degli indirizzi e attivando Cloud Print Proxy. Dopo aver riavviato il browser vedrete una nuova funzionalità in Opzioni>> Under the Hood. Abilitate Cloud Print (qui il tutorial) e fate login con un account Google (potete anche stampare una pagina di prova per assicurarti che tutto funzioni).

Una volta impostato, basta andare su m.gmail.com via browser dal nostro smartphone e scegliere “Stampa ” dal menu a tendina in alto a destra. È anche possibile stampare allegati come. pdf o. doc cliccando il link “Stampa” che appare accanto a loro.

HOW TO: Qui trovate le risposte di Google ai problemi più frequenti.

[via googlemobileblog]