Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
Google Latitude | Googlisti.com
Articoli recenti

Major VS Guru: Google Latitude attiva i check-in

3 febbraio 2011

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 3 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Per i 10 mln di persone che utilizzano mensilmente Latitude per condividere la propria posizione sulle mappe di Google (fonte google mobile blog) c’è una novità in arrivo: da ieri in Google Maps 5.1 per Android sono stati attivati i check-in, termine ormai sdoganato dalla “verifica in aeroporto”, e sempre più utilizzato in contesto web per segnalare la propria presenza fisica in un luogo determinato, in una sorta di “marcatura del territorio”.

Tralasciando le caratteristiche tecniche del servizio, che potete leggere qui, ci interessa evidenziare alcuni punti che differenziano l’iniziativa di Latitude:

- Notifiche: si possono configurare delle segnalazioni, in modo che Latitude ci ricordi di fare check-in

- Check-in automatici: Latitude può fare automaticamente check-in quando rileva che sei arrivato in una certa località

- Check-out: Latitude riconosce quando ti allontani dalla posizione del check-in e ti rimuove da quell’area, così che gli amici non pensino che ti trovi ancora nello stesso luogo

- Places Pages: fare check-in con Latitude significa essere già nell’ambiente delle mappe di Google. Questo implica, ad esempio, che se faccio check-in in un ristorante vengo automaticamente reindirizzato alla sua pagina di Google Places, dove posso leggere la scheda dell’esercizio commerciale, i recapiti, le recensioni. Considerando l’attività degli ultimi tempi intorno al neonato HotPot, che proprio in questi giorni è stato ufficialmente aggiunto ai risultati delle ricerche locali, sembrerebbe proprio che questi due servizi stiano pian piano convergendo verso un’app unica, che potrebbe unire geolocalizzazione, trust (maggior valore alle opinioni dei miei amici) e gaming.

Sì, perchè in base alla ricorrenza dei check-in in una località anche Latitude prevede l’assegnazione di un titolo. Ma al posto dei “Sindaci” ci saranno i Guru. La “scalata” prevede, nell’ordine, Visitatore > Habitué > VIP > Guru, anche se ancora manca l’attivazione di eventuali ricompense o premi per i frequentatori più assidui.

Che sia forse la naturale evoluzione dei Coupon, che le attività commerciali possono attualmente attivare su Places? Non resta che aspettare e vedere in che modo questi tasselli andranno al loro posto.

Cronologia delle posizioni e alerts per Google Latitude

25 novembre 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 4 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Dal lancio di Google Latitude all’inizio di quest’anno, ci sono state moltissime richieste di funzionalità da parte degli utenti, inclusi alcuni requisiti indispensabili che inizialmente Google non aveva previsto.
Una delle idee più popolari era quella di poter tenere traccia della cronologia della propria posizione, che consente di vedere dove seiamo stato in qualsiasi punto nel tempo.
Un’altra necessità diffusa era la notifica di vicinanza degli amici con cui siamo connessi, in modo da poterli incontrare facilmente. Ad oggi, queste idee sono diventati funzioni reali, insieme a qualche altra novità.

location history di Latitude

location history di Latitude

Cronologia delle posizioni: serve a memorizzare, visualizzare e gestire le ultime località visitate via Latitude. Possiamo visualizzare la nostra storia su Google Maps e Google Earth o riprodurre un viaggio recente in ordine cronologico attraverso un tasto “play“. Naturalmente, è possibile rimuovere alcuni dei luoghi o l’intera storia oppure esportarla in un file KML. Al momento, gli amici non possono accedere alla nostra cronologia

Alert sulle posizioni (BETA): consente di ricevere ed inviare notifiche via mail (in Italia ancora niente SMS) quando gli amici di Google Latitude sono vicini, ma soltanto quando si è in qualche posto interessanti o inusuali. La funzione di notifica utilizza la Storia delle Posizioni per inviare le notifiche solo quando ci sono più probabilità che esse siano realmente utili per noi e i nostri amici nelle vicinanze. Questa sorta di Alert “intelligente” serve ad evitare la ridondanza di notifiche filtrando ed omettendo le posizioni abituali, ad esempio casa o il lavoro.

Badge posizione pubblica: permette di personalizzare, copiare e incollare uno snippet di codice HTML da incorporare in una pagina web con l’ultima posizione geografica rilevata tramite Latitude. Anche nei profili Google (per ora solo nell’interfaccia inglese) è stata abilitata l’opzione di mostrare il badge della posizione attuale comunicata tramite Latitude.

Posizione su Google Talk: serve a mostrare la propria località rilevata tramite Latitude a tutti i contatti di GTalk e Gmail; lo status si aggiorna automaticamente ogni volta che facciamo checkin in una nuova città.

Tutte le applicazioni sono opt-in, quindi è necessario attivarle in modo esplicito, così come, allo stesso modo, è necessario rimuovere l’autorizzazione per interrompere la pubblicazione di questo tipo di dati personali, rilevati tramite Latitude.