Articoli recenti

Io, me e i risultati di ricerca

16 giugno 2011

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 2 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Come monitorare la vostra identità online? Fate ego surfing? Usate uno strumento che scansiona periodicamente i risultati alla ricerca di citaizoni che vi riguardano?

Chi, se non Google, poteva annunciare un tool per la supervisione della propria web identity?

Si chiama ‘Me on the Web’ e potete trovarlo nella Dashboard del vostro account Google: questo servizio permette di impostare degli Alert personalizzati per le citazioni del votro nome o indirizzo e-mail nei risultati di ricerca, scegliendo la frequenza di ricezione delle notifiche (quando capita, una volta al giorno, una volta a settimana). Inoltre, offre suggerimenti e risorse per aiutare a monitorare e controllare la tua identità online.
‘Me on the Web’ elenca inoltre e collegamenti dal vostro profilo Google, così come vari siti web che fanno riferimento ad esso.

In realtà, a parte il nuovo nome dato al servizio, non sembrano esserci grandi differenze con i classici Alerts, per i quali avremmo potuto ugualmente impostare un filtro di ricerca col nostro nome o indirizzo email… What’s next?

Due tools per monitorare i nostri links

19 febbraio 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Chi realizza attività di email marketing ha la possibilità di raggiungere un’ampia fetta di lettori in tempi ridottissimi e a costo zero, ma non dispone di uno strumento gratuito per misurare la percentuale di click effettivi che quelle email hanno generato. Ovvero non possono verificare se il destinatario abbia visitato o meno l’URL della pagina promossa nella newsletter.

LinkBlip è un servizio molto interessante poiché offre esattamente questo, ossia tenere traccia dei links inviati ad altre persone verificando se essi vengano cliccati o meno. Basta inserire il proprio indirizzo email (o quello sul quale si vogliono ricevere le notifiche di lettura) e l’URL della pagina web da condividere: LinkBlip genera un indirizzo “speciale” che dobbiamo incollare nelle email e che, ogni volta che viene cliccato, ci invia automaticamente un messaggio di conferma dell’avvenuto click da parte del destinatario con ulteriore collegamento ad una pagina di statistiche.

Tastytag all’opera su googlisti.comSe invece siete curiosi di sapere quanto “successo” hanno i vostri post su del.icio.us, ovvero quante persone salvano sul noto servizio quello che scrivete, provate a sottoprre l’URL del vostro blog (o di qualunque altro sito web) a Tasty Tag. Questo tool fa una veloce scansione dei links pubblici di del.icio.us e vi restituisce una piccola statistica con il numero degli articoli salvati (relativi all’URL inserito) e soprattutto con un grafico che mostra l’utilizzo dei tags scelti per categorizzare i post: ciascuna etichetta è anche cliccabile, per cui ci permette di andare a vedere da quali utenti è stata utilizzata e, magari, allargare il nostro network di contatti in del.icio.us.

via Puntogeek

Feng GUI e l’arte di monitorare i siti web

8 gennaio 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Sono tantissimi i siti che ci offrono strumenti per monitorare l’andamento del nostro sito web:
- Montastic ed il più recente Mon.itor.us che rilevano l’andamento delle visite ogni tot minuti;
- Bingr che traccia ed analizza i links in uscita;
- Clicky per informazioni e statistiche sui vostri visitatori;
- SEOmoz per misurare la forza delle vostre pagine web;
- 103bees per analizzare il traffico dai motori di ricerca e via dicendo…

Ma alcuni servizi di recente introduzione ci consentono di vedere che cosa cliccano i nostri lettori e dove si posa maggiormente la loro attenzione attraverso la diversa colorazione delle aree d’interesse di una pagine web.
screenshot.pngL’ultimo nato si chiama Feng GUI e ci consente di sottoporre ad analisi l’URL di un sito web ottenendone una mappa con diverse colorazioni che mostrano le aree più o meno cliccate del nostro sito (nella foto lo screenshot di Googlisti).
Il sito è completamente gratuito e può essere un valido aiuto per capire come distribuire saggiamente i blocchi di contenuto in una pagina, una sorta di Feng Shui per l’Interfaccia Grafica di un sito web!
O ancora possiamo contare su:
- Crazyegg offre un servizio professionale, anche a pagamento, completo di immagini e report;
- Clicktale genera un video dei movimenti di navigazione degli utenti sul nostro sito;
- Cogentoo effettua il tracking visivo delle pagine web attraverso l’inserimento di un piccolo codice Javascript nella pagine da monitorare.

Guida al monitoraggio dei siti web

13 giugno 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Segnalazione per i lavoratori del web:

Fluido ha stilato un elenco utilissimo di tools per monitorare il proprio brand, una lista di risorse indispensabili nell’affollatissimo mondo della blogosfera!

I Googlisti ringraziano.

Google e Gapminder insieme per informare sullo sviluppo mondiale

30 maggio 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Una novità tra i tools di Google è Gapminder, un’applicazione che vi mostra alcuni indicatori di sviluppo globale, forniti dalla World Bank. Il grafico visualizza delle bolle colorate, ognuna delle quali rappresenta un Paese (la grandezza è proporzionale alla popolazione), posizionato sull’asse delle ascisse e delle ordinate in base al valore che assume relativamente agli indicatori calcolati.
Ad esempio, si visualizzano dati sulle emissioni di diossido di carbonio, sulla mortalità infantile, la crescita economica, gli utenti di internet ogni 1000 abitanti (fig).gapminder

Il software è stato creato da Gapminder.org, una fondazione svedese che sviluppa tecnologie per la visualizzazione di dati statistici in maniera animata e decisamente più gradevole dei grafici monotoni che siamo abituati a consultare.
L’intento della casa produttrice è far sì che le persone prendano coscienza del mondo in maniera divertente e Google ha colto l’input decidendo di ospitare questo software sul suo server. Gli utenti possono sottoscrivere il link a Gapminder accedendo alla directory di Google Co-op, oppure interagire direttamente con il programma nell’apposita pagina.

[Gapminder FAQ]

Montastic: monitorare gratis i propri siti

13 maggio 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Se avete un sito da gestire e volete essere aggiornati in tempo reale sull’andamento delle visite ricevute, Montastic è proprio quello che fa per voi!
Metadot Corporation ha realizzato un servizio assolutamente gratuito che, dopo la registrazione, vi consente di monitorare fino a 100 siti, mostrando i dati aggiornati ogni 10 minuti anche via RSS o Yahoo Widget.
Un tool perfetto anche per il business, con un’interfaccia elegante, semplice ed intuitiva.

Provare per credere!