Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70

Warning: get_class() expects parameter 1 to be object, string given in /home/googlist/public_html/wp-content/plugins/wp-post-thumbnail/wppt.php on line 70
Wordpress | Googlisti.com
Articoli recenti

WordPress: testare un tema senza che i lettori se ne accorgano

18 gennaio 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Cambiare tema al proprio blog è, generalmente, molto semplice: in WordPress basta selezionare un tema nella sezione Aspetto>Temi e la sostituzione si attiva immediatamente.

Tuttavia se state pensando ad un redesign del vostro blog e volete provare nuovi “vestiti” (come ad esempio i temi di Freeminders) senza dover affliggere i lettori con l’avvicendarsi di grafiche diverse, una dietro l’altra, giusto per vederle in atto, avete due possibilità:

1. installare un server in locale, installare WP e testare i temi sul vostro computer (maggiori informazioni qui);

2. installare sul blog il plugin Theme Test Drive, che consente di selezionare un tema dall’interfaccia di gestione di WP e renderlo visibile agli occhi del solo amministratore del sito, mentre i lettori e gli editori continuano a vedere l’aspetto originario del blog.

Plugin per wordpress theme test driveIl plugin va semplicente scaricato, decompresso e uploadato via ftp sul proprio blog, nella directory wp-content/plugins/ poi deve essere attivato nella sezione Plugin dell’interfaccia di amministrazione di WordPress. A questo punto è sufficiente selezionare un tema dal menu a tendina ed attivarlo per la gioia dei nostri (e solo nostri!) occhi e, ovviamente, fare tutti i test e le modifiche desiderate, visto che queste saranno completamente invisibili ai lettori del blog.

Unica accortezza: se utilizzate il plugin WP-Cache fareste meglio a disattivarlo!

via puntogeek

Dare voce al testo con un plugin di WordPress

29 ottobre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Sonowebs è un’interessante applicazione (spagnola) che consente di aggiungere una voce al nostro sito web, ovvero di tradurre in formato vocale il testo scritto, sulla scia del più famoso Robobraille, che si occupa di rendere più facile l’accesso alle informazioni sul web per gli ipovedenti trasformando testi scritti in file eseguibili .mp3.

Anche Sonowebs permette di generare un player mp3 per ogni testo inserito, il quale, in questo modo, può esser ascoltato invece/oltre che letto. Per ottenere il lettore Flash o un semplice pulsantino Play, possiamo inserire il contenuto scritto in un apposito form di Sonowebs, selezionare la voce (una sola, al momento) che leggerà la notizia e aspettare qualche secondo per la generazione del codice da inserire nel nostro sito web.

La cosa interessante è che Sonowebs può essere sia inserito nel template di un blog realizzato con Blogger, sia, nel caso in cui la piattaforma del nostro sito sia WordPress, integrato attraverso un plugin molto semplice da utilizzare: basta scaricare e scompattare la cartella zippata, caricarla nella directory di plugin del sito e attivarla dal menu Plugin. (continua…)

Aggiungere effetti e modifiche alle foto in WordPress

4 ottobre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Ogni tanto ci occupiamo di segnalare nuovi servizi per la manipolazione delle immagini, utilizzando non programmi proprietari o Open Source, bensì le numerose applicazioni che si trovano gratuitamente in Rete e che, generalmente, consentono di caricare immagini dal pc ed aggiungere effetti, cornici, sistemare colori, contrasto, saturazione e così via.

Molte di queste azioni possono anche essere effettuate direttamente dal nostro blog, a patto che la piattaforma che usiamo sia WordPress: Imaset è infatti il nome di un plugin che aggiunge la “modalità fotoritocco” al nostro pannello di gestione.

Basta scaricare e scompattare la cartella del plugin, fare l’upload via FTP nella direcory /wp-content/plugins/ e, nel backend del nostro blog, alla voce Plugin cliccare Attiva. Immediatamente nella pagina Scrivi Articolo vedremo comparire un bottoncino Use Imaset.

il plugin Imaset in azioneDopo aver caricato un’immagine, cliccando su questo pulsante vedremo comparire una finestra pop up con la foto da modificare ed un menù laterale con tutte le opzioni a disposizione (vedi immagine). Ovviamente, la gamma di decorazioni, effetti e filtri di Imaset è abbastanza limitata, tuttavia è utile avere la possibilità di applicare piccole modifiche dell’ultimo momento alle immagini che aggiungiamo ai nostri post senza dover aprire un apposito programma di fotoritocco!

[scarica Imaset 2.0]

2400 temi di WordPress in un solo click

4 maggio 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Probabilmente è la collezione di temi più grande che ci sia mai capitato di trovare: ben 2400 templates di WordPress scaricabili un unico file compresso (circa 250 MB)!

Noi siamo in pieno download, quindi ancora non abbiamo avuto modo di vedere i temi: comunque sia, è una gran bella collezione dove sicuramente c’è un bel pò di materiale da vedere ed, eventualmente, riadattare per le nostre esigenze!
Messi a disposizione da Xiberneticos, i temi si possono scaricare in un solo file oppure in quattro parti distinte:

Wordpressscarica il file intero Wpthemes.rar (250,95 MB)

scarica Parte I

scarica Parte II

scarica Parte III

scarica Parte IV

Farsi un tema con i generatori

28 aprile 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Esistono generatori online di qualsiasi cosa: immagini divertenti, email cantate, fotomontaggi e via dicendo: basta dare un’occhiata al Generator blog per rendersene conto!

Ma, oltre alle stupidaggini ultimamente abbiamo scoperto generatori molto utili per creare un layout per il proprio blog senza avere nessuna abilità nella programmazione, ma semplicemente sfruttando applicazioni online che realizzano elementi grafici al posto nostro!

Da dove cominciare? Bè, innanzitutto dalla creazione del tema stesso con il WordPress theme Generator; poi magari ci facciamo il logo su Web2.0 Logo generator, scegliamo uno sfondo da Background generator o, ancora meglio, ne facciamo uno a righine (che va tanto di moda) grazie a Stripe Generator. Infine aggiungiamo qualche dettaglio, magari un loading effetto Ajax (ma in realtà è una GIF) scelta da Ajaxload, un bottone antipixel creato su Pixel Button, oppure “rubato”tra i tantissimi di Gtmcknight e Stealthesebuttons (animati) ed infine un social sticker tra quelli pubblicati su Blogsticker.

UPDATE 03/05/2007

Sempre in tema 2.0, segnaliamo anche il generatore di codice CSS per ottenere angoli arrotondati, Spiffy Box (visto su Puntogeek)!

UPDATE 14/05/07

E perchè non aggiungere anche il generatore di bottoni effetto gloss? Li possiamo creare online su Glassy Buttons (ancora via Puntogeek).

Ancora, Mycoolbottons, altro generatore di bottoni per il web stile 2.0 in poche, semplicissime mosse.

CSS Naked Day 2007

5 aprile 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Che cosa è successo a Googlisti? Dov’è finito lo stile?? O siete voi ad avere qualche problema con il browser?

Niente di tutto questo, semplicemente oggi 5 Aprile ricorre il secondo CSS Naked Day, iniziativa lanciata da Dustin Diaz che ci vuole per un giorno intero…nudi! Come lo scorso anno, anche oggi ci siamo spogliati del CSS, quindi vedrete il nostro <body> privo di stile ed elementi grafici.

Il CSS Naked Day vuole promuovere l’adozione degli standards web, un uso proprio dell’(x)html, della semantica, di una buona struttura gerarchica: è anche un’occasione per testare la nostra struttura senza CSS.

Se vi abbiamo convinto a partecipare, sappiate che per gli utenti di WordPress esistono anche alcuni plugin che consentono di rimuovere lo stile automaticamente: QuickOnlineTips consiglia 48 hours naked day plugin e WP:naked day plugin.

In ogni caso, per contribuire all’iniziativa dovete andare sul sito ufficiale del CSS Naked Day, compilare il form per aggiungere il vostro sito all’elenco di tutti i partecipanti e, a scelta, inserire nel vostro sito uno snippet di codice che spieghi ai vostri visitatori il motivo della vostra “nudità”.

Less is more!

Podcasting in WordPress

17 luglio 2006

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

A tutti i podcasters:Podpress è un plugin per WordPress che serve a gestire files audio e video all’interno dei post (screenshot). Arrivato da poco alla versione 6.6, offre molte novità, tra cui la possibilità di generare Feeds automaticamente, la preview del Podcast, statistiche e supporto per i commenti audio, in collaborazione con Mobatalk.

[Download Podpress]
[Podcasters Wiki]