Articoli recenti

Google: rassegna news 25/03/2009

25 marzo 2009

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Per quanto riguarda Gmail, ormai ci stiamo abituando ad aspettarci almeno una nuova funzione dei Labs a settimana! Stavolta ci “sorprendono” con due opzioni:

- l’aggiunta del bottone Undo Send (Annulla l’invio) che in pratica abilita i server di Google a “trattenere” un messaggio di posta per cinque secondi, giusto il tempo che noi abbiamo per accorgerci di aver inviato l’email alla persona sbagliata e bloccare la posta in uscita nel caso di invio accidentale;

- l’abilitazione dell’anteprima di foto da Picasa e Flickr e video da YouTube nel caso venga trovato un link a questi servizi nel corpo del messaggio di posta. La visualizzazione di video in formato miniatura l’avevamo già apprezzata all’interno della chat, quindi benvenga l’integrazione nella posta per messaggi sempre più “ricchi”!

Sul fronte della ricerca, invece, ecco due nuove opzioni in fase di release (quindi sicuramente non ancora abilitate per tutti gli utenti):

- descrizioni più lunghe dei risultati di ricerca: giusto qualche parola, più o meno una riga, ma quel tanto che basta per evitare di restare a bocca asciutta quando lo snippet di un risultato di ricerca viene troncato sul più bello dai puntini… Questa opzione si dovrebbe mostrare quando l’utente effettua una ricerca composta da più di tre parole, eventualità nella quale Google suppone che tre righe di testo siano troppo poche per condensare l’informazione necessaria;

- miglioramento dell’algoritmo per le ricerche correlate, che dovrebbe “capire” con maggiore efficacia i contesto cui ci riferiamo quando inseriamo uno o più termini di ricerca.

We are now able to target more queries, more languages, and make our suggestions more relevant to what you actually need to know.

Verba manent

16 settembre 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Qualche tempo fa Google introduceva il riconoscimento vocale per i video di YouTube, ovvero la possibilità di cercare una parola pronunciata all’interno di un filmato e saltare direttamente alla porzione di video nel quale essa era pronunciata.

Inizialmente questa tecnologia era sperimentabile dagli utenti attraverso l’installazione di un gadget di iGoogle che effettuava il riconoscimento vocale tra una serie di video relativi alle elezioni politiche americane. Oggi invece Google ha aperto una nuova pagina dei suoi famosi Labs, chiamata GAUDI, che ovviamente non ha nulla a che vedere con il famoso architetto, ma è l’acronimo di Google AUDio Indexing.

Attualmente Google ha abilitato questa tecnologia sempre relativamente ai video caricati sul canale politico di YouTube, sostenendo che i contenuti dei discorsi politici, oltre ad essere argomento di grande interesse per milioni di americani, costituiscono anche un’ottima “palestra” per la piattaforma GAUDI.

Google Audio Indexing

Google Audio Indexing

Questo nuovo servizio, straordinario, consente in pratica di:

1. cercare una o più parole pronunciate in un filmato, raffinando la ricerca attraverso alcuni filtri;

2. guardare il video ottenuto come risultato con la possibilità di ascoltare solamente gli spezzoni di filmato contenenti la parola ricercata. Oppure, in corrispondenza della barra di scorrimento, passare col mouse sopra ciascuno dei trattini gialli che riportano sotto forma di testo scritto la porzione di discorso indicizzata;

3. restringere ulteriormente la ricerca all’interno dello stesso filmato;

4. condividere lo spezzone video contenente la nostra query attraverso il solito meccanismo di copia/incolla URL.

La possibilità che le parole pronunciate verbalmente siano tradotte in testo scritto, con annessa indicizzazione, ricerca, selezione, condivisione delle stesse è certamente un gran passo in avanti verso l’organizzazione dell’informazione mondiale (come la intende Google), soprattutto tenendo conto della sempre maggiore importanza acquisita dai video sul web.

Verba manent, insomma. E sono pure inoltrabili (cit.)

Novità da Google per foto e video

4 settembre 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Mentre mezzo mondo ha gli occhi (e il mouse) puntato su Chrome, Google continua a sfornare novità anche in altre applicazioni.

Google video per imprese

Google video per imprese

Ad esempio, è di qualche giorno fa la notizia del lancio di Google Video for business (immagine via TechCrunch), ovvero una piattaforma video personalizzata inclusa gratuitamente nel pacchetto Google Apps Premier Edition e pensata per essere utilizzata internamente dalle aziende che dispongono di questa suite di applicazioni.

Video tutorial, HQ, training e tutto il materiale filmato (fino a 3 GB) che un’impresa potrebbe voler condividere con i suoi impiegati possono essere caricati online tramite un uploader in stile YouTube. Allo stesso modo i video possono essere taggati e commentati, ed hanno un limite di dimensione per filmato. Ed è da credere che non passerà molto prima che anche questo servizio integri sottotitoli e Gears per l’upload multiplo proprio come già fa YouTube.

Picasa explore game

Picasa explore game

Sul fronte immagini invece, PicasaWeb si sta difendendo bene con alcune interessanti novità:

1. riconoscimento facciale per facilitare l’inserimento di tag identificativi nelle immagini;

2. upload delle foto via email. Nelle impostazioni si abilita l’opzione di invio immagine tramite posta elettronica attraverso un indirizzo email con una chiave privata; a questo punto per aggiungere foto al nostro account possiamo creare un nuovo messaggio di posta allegando fino a 20 MB di immagini (JPG, GIF, PNG) e specificando nell’oggetto il nome dell’album dove vogliamo inserire le foto.

3. In quale parte del mondo? La sezione Esplora (ispirata da Flickr?), oltra a contenere foto recenti, in primo piano e tag più comuni, ha aggiunto un giochino “geografico” che consiste nel localizzare su una cartina alcune foto già geotaggate. Livello di difficoltà decisamente alto! (via)

YouTube Insight: statistiche gratuite anche per i video

27 marzo 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

La febbre della tracciabilità delle visite ricevute avanza sul web ad un ritmo incalzante: dopo l’inserimento delle statistiche in Flickr, nei documenti di Google, la nascita di nuovi servizi stand alone per l’analisi della propria popolarità (vedi Traackr) o del traffico generato da blog e siti web (alcuni peraltro davvero ben fatti come ad esempio Clicky), anche il più famoso servizio di video publishing viene coinvolto in questo genere di misurazioni e rilascia uno strumento di statistiche che prende il nome di YouTube Insight.

Statistiche per YouTubeDalla voce Gestione dei video>Video, preferiti e Playlist arriviamo alla pagina di elenco dei nostri video caricati su YouTube; cliccando Informazioni su questo video siamo condotti alla pagina di statistiche che, già al primo sguardo, ci ricorda parecchio Google Analytics. Magari in versione light.

Ogni utente dispone infatti di pochi strumenti di analisi, ovvero il numero di volte che il video è stato visto in una certa zona geografica e la popolarità rispetto a tutti i video in un certo periodo di tempo: dati tuttavia sufficienti ad effettuare valutazioni sul ciclo di vita di un filmato sul web, consentendo a marketers ed advertisers di studiare i trends di campagne video partite da YouTube. Che Insight sia solo l’anteprima di una serie di strumenti di analisi portati in eredità da casa Google?

Arrivano i video nelle schede locali di Google Maps

21 marzo 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Chi utilizza il Google Maps Local Business Center per comparire sulle mappe di Google con annunci personalizzati della propria attività commerciale non potrà fare a meno di apprezzare l’ultima novità rilasciata, ovvero l’aggiunta dei video alla scheda delle informazioni da pubblicare.

Inserisci un video in Google Local Business Center

Durante la fase di compilazione dei dati dell’attività commerciale, nella sezione Photos è stata infatti aggiunta l’opzione di inserimento dei video, massimo 5, che non possono essere caricati dal proprio pc ma inseriti tramite link da YouTube.

Una volta effettuato l’upload, il video approvato viene integrato nella scheda dell’esercizio commerciale che compare sulle mappe di Google, cliccando la voce Altre Informazioni.

Questa nuova opzione è utile per chiunque desideri ottenere visibilità sul web per il proprio business: con strumenti tutto sommato semplici (e soprattutto gratuiti) si può realizzare un pò di SEM e costruire una strategia mirata alla promozione di sè, utilizzando i cosiddetti media sociali e sfruttando la circolarità dell’informazione. Il web può essere una fonte incredibile di generazione di contatti e prospects, se non altro grazie all’uso cordinato e creativo dei servizi online che abbiamo a disposizione.

Un’estensione per migliorare YouTube

10 marzo 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Sulla scia di Better Flickr e Gmail, LifeHacker suggerisce il download di un pacchetto di script di Greasemonkey pensati per integrare funzionalità aggiuntive e piccole migliorie nella fruizione dei filmati del più famoso sito di video publishing del web.

Mentre YouTube sta sperimentando una nuova pagina personalizzata per i propri utenti, offrendo una navigazione indivisuale, studiata in base alle preferenze ed alle attività di ogni user (video consigliati, le iscrizioni, attività degli amici, statstiche, etc…), possiamo ottenere qualche funzione aggiuntiva da questo sito scaricando Better YouTube (in sinergia con Greasemonkey) e cominciare a personalizzarne l’utilizzo dal pannelo di preferenze che compare dopo l’installazione e il riavvio di Firefox.

Nel complesso, Better YouTube consente a ciascun utente di:
- trovare già espansa la sezione About del video
- disabilitare l’autoplay
- vedere il video non in modalità schermo intero, ma leggermente più grande e in una pagina più “pulita”
- nascondere commenti e video correlati
- centrare ed allargare il player senza perdere i links di navigazione.

Niente di spettacolare, ma piccole opzioni per avere una fruizione dei contenuti personalizzabile che può tornare utile in una varietà di situazioni (ad esempio evitare che il video si avvii automaticamente, soprattutto quando stiamo dando un’occhiata a YouTube dall’ufficio…) :P

Google rassegna news 25.01.2008

25 gennaio 2008

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Google aggiunge nuove funzioni alle presentazioni: forme vettoriali quali frecce, cerchi, rettangoli, bolle stile fumetto; la possibilità di salvare come PDF; diverse opzioni di stampa del file salvato.
[via Googledocs Blog]

Rilasciata un’applicazione (solo per Windows) che permette di caricare files dal pc al proprio account di Google Docs trascinando i documenti oppure facendo clic con il tasto destro del mouse.
[Scarica Document List Uploader]

Realizzata un’applicazione web per creare grafici via Google: Chart Maker è un tool in Ajax che permette di realizzare grafici di vario tipo con impostazioni personalizzate in pochi e facili step (via Google Code Blog).

Un’iniezione di vitamine per Google Talk? Il plugin GPlus (disponibile solo per Windows) aggiunge a Gtalk alcune funzioni come emoticons animate, messaggi audio, colori di sfondo e formattazione del testo personalizzate.
[scarica GPlus]

Migliorato YouTube mobile che nella versione per dispositivi portatili mostra ora le stesse funzionalità del sito web, con accesso al proprio account e tutte le opzioni attualmente in uso. Rilasciata anche un’applicazione Java (compatibile con Nokia N73, N95, E65, 6110, 6120 e SonyEricsson k800 e w880) che può essere scaricata qui e che consente anche l’upload di filmati su YouTube direttamente dal proprio smart phone.
[via Google Operating System]

Anche YouTube si prepara al Natale

6 dicembre 2007

ATTENZIONE: Questo articolo è stato scritto circa 5 anni fa. Alcuni links e argomenti trattati potrebbero non essere più validi.

Mentre Google ha giù cominciato il conto alla rovescia (come lo scorso anno) per inseguire Babbo Natale, o meglio, per il download del file kml che ci mostrerà in Google Earth la lunga corsa per il mondo trainato dalla inseparabili renne, anche YouTube si fa influenzare dallo spirito natalizio, pubblicando un servizio speciale per le feste…

YouTube Holiday VideoCardSi chiamano Video Holiday Cards e sono videomessaggi in tema Natalizio (tipo questo) da inviare ad amici e contatti via email:

- seleziona il filmato preferito tra i numerosi a disposizione (oppure inserisci un video personale);
- scegli un tema di sfondo;
- aggiungi un messaggio;
- invia la video cartolina a tutta la tua rubrica!

La videocard realizzata ha un indirizzo pubblico che è possibile salvare per utilizzi successivi (magari riciclarla il prossimo anno)! :P

via GSpy